Who’s who

1492629_571247826291028_1331919335_oRenato Nicassio nasce (senza averlo chiesto) nel bel mezzo dell’estate del 1987. Da allora vive a Bari o almeno ci prova. Con le scarpe riesce a raggiungere il metro e settantacinque. Senza vestiti oscilla tra i 64 e i 66 kg.I suoi gusti sono temporanei, infantili e comunque, giudicando dai (pochissimi) regali che riceve, agli altri non interessano granché. Sarebbe inutile parlare dei suoi sogni perché non ne ha o perlomeno non se li ricorda. In quanto agli hobby ne ha diversi, tutti poco interessanti forse, ma almeno, quelli, ce li ha e se li ricorda. Da buon figlio dei tardi anni Ottanta è convinto che dalla caduta del Muro di Berlino in poi tutto sia andato storto. Quindi se siete nati negli anni ’90 probabilmente non gli piacerete.

Annunci

28 thoughts on “Who’s who

  1. Buon 1 Maggio Renato,
    Mi chiamo Nicola Bottarlini e la contatto a nome di HOUSETRIP Italia perche vorrei esporle il progetto Gemme Nascoste di Bari.
    Spero di ricevere sue notizie e nel frattempo le porgo i miei piu’ cordiali saluti.
    Grazie,
    Nicola Bottarlini

  2. c’è una domanda che vorrei farti da tanto tempo. da quando ho letto degli amici che si fidanzano, dei pendolari che non vivono senza i loro orari dei treni..
    la domanda è… mi vuoi sposare??? aahhhahah
    da una ex blogger, ora studentessa di medicina (a-k!)

      • Quando si dice.. sposarsi per amore! Comunque per lo stipendio è presto (anche perché stiamo messi maluccio anche noi). Per mo’ ti devi accontentare del libro (che andrò a comprare, dopo l’esame, ovviamente) 🙂

        • Ehi, ti ho detto di sì senza se e senza ma. Altri avrebbero chiesto foto, lista degli ex, eventuale avversione calcistica, luogo di nascita… e così via. A me basta che tu fai medicina (canale A-k) e che accetti l’usanza sacra per cui dalla domenica al giovedì, dalle 22 all’1 si vedono serie tv americane in lingua originale. Venerdì e sabato ti porto dove vuoi.
          (grazie per il libro, in bocca al lupo per l’esame, anche se per voi medici la fortuna non esiste: gli esami li conquistate sul campo!)

      • con piacere! 🙂 lo so bene, quella di non avere una redazione (e un’amministrazione, e una diffusione, e un ufficio stampa etc.) è una piaga sociale… io gestisco quasi da solo tutte queste cose del mio gruppo – sì, anch’io sono uno di quelli che amano e invidiano i medici – oltre a suonarci dentro.

  3. io un po’ ti conosco, poco ma ti ho conosciuto, sono davvero contento di constatare che il tuo stile si è affinato ma non è cambiato molto, rimane pungente e divertente! Mentre leggevo un paio di volte mi stavo ribaltando dalla sedia! Veniamo alla domanda centrale: “perchè non realizzi un fumetto?”…va bene me ne vado a fan… Ciao Nick

    • Ciao roberto!
      Sono passati tanti anni e io non sono cambiato di molto. E questo è un male. Ma tant’è.
      Il fumetto, il fumetto. Temo di essere troppo vecchio per farlo, o almeno la mia mano lo è. Chissà in un’altra vita, magari. In questa, ogni tanto, devo pur cercare di lavorare. Purtroppo.
      Un abbraccio e spero che le cose ti vadano bene, decentemente o almeno non male.

  4. Pingback: La Serata in Disco | Il Blog Struggente di un Formidabile Genio

  5. Bellissimo blog, l’ho trovato molto ironico!anche se, secondo me il modo in cui suddividi le categorie di persone, l’ironia usata etc ricorda molto quella di guglielmo scilla (alias willwoosh) nei suoi video.

    • Willwoosh lo conosco di nome ma non ho praticamente mai visto/letto nulla di suo. Se proprio dobbiamo trovare un’origine alla mia categorizzazione dell’umanità la risposta è: Beppe Severgnini e la rubrica che teneva su Sportweek una decina di anni fa. Adoravo quel suo modo di suddividere le classi di persone in base ai comportamenti e reazioni. Per quanto riguarda l’ironia boh, non so, i miei maestri sono i grandi classici: Chandler Bing, Gregory House, Pk e potrei continuare per ore

      • Senza nulla togliere a willwoosh, credo che la tua ironia sia più “intellettuale” e costruttiva, da Severgnini appunto. Willwoosh fa ridere come un attore che fa scketch su youtube, sai quella comicità divertente ma non che ti lascia punti interrogativi e “moraledellafavola”.
        Bravo!

  6. Bellissimo blog, complimenti! molto divertente e sarcastico….anche se, il tuo modo di suddividere le categorie di persone, raccontare di episodi strani a te (realmente?) successi, ricordano troppo i video di Guglielmo Scilla (alias willwoosh) su youtube. Ma in ogni caso il blog resta stupendo.

  7. Il titolo del blog e’ fantastico: vuol dire che chi lo gestisce ha letto il quasi omonimo libro di Dave Eggers. Un genio assoluto. Detto questo, ho lasciato Bari 12 anni fa e all’epoca la diatriba non era se andare o meno al Ciringuito quanto “al caffè sotto il mare” perché al Ciringuito ci andava la marmaglia mentre la Bari bene si incontrava li’. Ora con il mutamento sociale e la diffusione del minimalismo radical chic fa più “Figo” mischiarsi con il volgo e andare al Ciringuito. Quello che non è cambiato nel tempo e’ quanto con sacrosante parole e’ espresso in questo blog: “l’insostenibile leggerezza del barese nel suo non luogo di elezione”.

    • Sarebbe molto interessante poter sentire ricostruita, da chi c’era, l’evoluzione dei posti-social di Bari. Mi sono sempre chiesto: cosa facevano i 20enni 20 anni fa? Com’era il Pellicano appena aperto?

      • Si andava al Noi e Voi a passar la serata a pianificarne lo sviluppo per poi salutarsi e andare a letto senza aver fatto nulla. Lo odiavo e preferivo fare qualunque altra cosa ci passasse per la testa, forse anche per questo non ero molto popolare o più semplicemente “figo” 😉

      • Ai Miei tempi ci si vedeva da “Rossetti”, i più grandi si vedevano al Bar Esperia. Poi se era inverno andavano molto i locali come Strange Fruit o Taverna del Maltese e la discoteca era il Pan o lo Snoopy, il Kiwi, l’Amnesya e d’estate l’Exstasy e le varie sedi estive dei locali invernali dove i DJ si trasferivano… Il noi è voi d’estate ma soprattutto il Caffè sotto il mare…

        • Ho avuto il piu’ salutare dei conati di vomito con l’elenco dei locali baresi top negli anni 90! … in quanto c’ero perchè non potevi non esserci…ok…torno in terapia…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...