Siamo solo amici

Siamo solo amici. Una frase spartiacque: quando viene detta si crea un “prima” in cui potevi fingere di non saperlo e un “dopo” in cui o sei sordo oppure devi fartene una ragione. La cosa tragicomica è che da fuori nessuno si accorge della differenza tra il prima e il dopo. Il SOLO AMICO incassa in silenzio, fa i conti con la sentenza all’interno ma all’esterno non cambia il suo comportamento. È fedele alla linea come nemmeno un senatore del Movimento 5 Stelle sa essere. È un vero signore d’altri tempi, un masochista d’antologia, uno zerbino da mercato rionale. Accetta tutto con un sorriso. Quando LEI corregge qualcuno che aveva equivocato dicendo «No, ma che hai capito! Io e lui siamo solo amici!», il SOLO-AMICO conferma, fa sì-sì con la testa sfoggiando un sorriso tranquillo mentre delle ruspe stanno devastando il suo animo e il suo cuore sta cuocendo alla perfezione come un filetto alla Wellington cucinato da Gordon Ramsay. Quando LEI ha bisogno di lui del tipo «Ciao, senti tra un sei-sette mesi è il compleanno del mio ragazzo, tu hai più o meno la stessa taglia ti scoccia se ti chiedo il favore di farmi da modello personale per un pomeriggio?», il SOLO-AMICO è più veloce del 118: «Ahah (finta risata) ma no figurati, lo faccio con piacere, sarà divertente»-«Grazie! Sei un tesoro! Allora senti si è aperto un outlet poco lontano da Cividale del Friuli…potremmo andare là (traduzione: passami a prendere e accompagnami) – «Ok Ok nessun problema (traduzione: nessun problema)». Continua a leggere
Annunci