Quella legge che io non riesco a capire: le coppie che non c’entrano nulla

La felicità al lattosio.
A volte capita anche a me, come al mitico Ted di Scrubs, di stare al parco e di voler tirare sassi alle coppie felici. Magari non proprio sassi ché poi qualcuno si fa male e sono cazzi. Però, ecco, la voglia di tirare, che ne so, delle uova si può legittimamente provare senza troppi timori legali. E dunque riformuliamo. A volte capita anche a me di voler tirare delle uova alle coppie felici. Si tratta di un effetto, accanto alla nausea e all’iperventilazione, della mia intolleranza alla felicità altrui. Purtroppo la medicina è impotente in questi casi. Ci si deve convivere. E io lo faccio consolandomi con il pensiero che, dopo tutto, poteva andarmi peggio. Potevo essere intollerante al lattosio.
Nausea, iperventilazione, desiderio di lancio di oggetti contundenti, quindi. Però di solito non lo faccio. Perché, proprio mentre sto prendendo la mira, un pensiero s’impossessa della mia mente e la  occupa totalmente facendo passare il tutto. Guardo la coppia che passeggia felice e mi domando: ma che cazzo c’entrano quei due l’uno con l’altro?
E allora resto là, con l’uovo in mano,  a cercare un motivo per cui LUI e LEI sono un NOI anche se tutto sembra precluderlo. Mi capita spesso di contorcermi su questo dubbio, praticamente ogni qualvolta mi imbatto in una coppia che non c’entra nulla.  Continua a leggere