Il diritto di fare Diritto: gli amici che fanno giurisprudenza

L’inflazione della legge e le lettere pronta consegna.
Non è necessario rimandare al pregevole monologo di Al Pacino ne “L’avvocato del diavolo” per affermare che la facoltà di giurisprudenza è molto, molto, frequentata. Basta farsi un giro per strada e buttare un occhio alle targhe al di fuori dei portoni: per lo meno qua a Bari, ci si accorgerà che ogni condominio può contare su minimo-minimo due-tre studi di avvocati. Non c’è da stupirsi: viviamo in un’epoca in cui per qualsiasi cosa ci succeda e per qualsiasi cosa facciamo, c’è sempre una lettera dell’avvocato pronta per essere spedita o ricevuta. Quindi con queste proporzioni uno, alla fine, ci si ritrova.
D’accordo, si sa, non tutti quelli che fanno giurisprudenza faranno poi gli avvocati. Ma è pur sempre vero il contrario: tutti quelli che fanno gli avvocati hanno fatto giurisprudenza. E dunque di qua cominciamo. Continua a leggere

Annunci