Ormai siamo troppo giovani: la nostalgia di chi ha a disposizione più “domani” che “ieri”

Quand’è che siamo diventati vecchi? Quando è accaduto?
Il dicembre 1999 sembrava ieri. Tutti parlavano del capodanno del 2000 e dei megafesteggiamenti. Tutti stilavano delle classifiche per sintetizzare il meglio del Novecento: lo sportivo del secolo, il personaggio del secolo, la canzone del secolo, la partita del secolo, il libro del secolo, il film del secolo. Tutti erano eccitati per il futuro anche se stava sempre il rompicoglioni – quello è sempre esistito – che ripeteva beh, tecnicamente dovremmo festeggiare l’anno prossimo! Il 21° secolo infatti inizia dal 2001 e blabla.
Sembrava ieri. E oggi mi trovo a dover spiegare a una tredicenne che cos’era il Millennium Bug e quanto fosse emozionante lo spauracchio di un mondo che, da un secondo all’altro, poteva sprofondare in un medioevo post-apocalittico.
Quand’è, allora, che siamo diventati vecchi?
O meglio: quand’è – e soprattutto perché – siamo diventati nostalgici come i vecchi? Continua a leggere

Annunci

Amore è quando arbitro fischia: ovvero le tattiche del provarci

Il destino nei film e la tattica nella vita.
Roma, Milano, Londra, Berlino, Madrid, Praga. Nelle metropolitane di queste (e di altre) città mi sono scontrato con decine di ragazze. E il cinema ci ha insegnato che quando ti scontri con una tipa nella metropolitana (o in stazione o in aeroporto), l’impatto le fa cadere la borsa, tu e lei allora vi chinate contemporaneamente per raccoglierla, le vostre mani si sfiorano, i vostri occhi si incontrano e zac: colpo di fulmine, tamponamento di destini, cocktail di vite.
L’amore – ci insegnano – funziona più o meno così: casualmente. Quando meno te l’aspetti ti becca di sorpresa. Però, al di fuori dello schermo, qualcosa non torna: nelle metropolitane di Roma, Milano, Londra, Berlino, Madrid, Praga questi ripetuti scontri non hanno prodotto il risultato aspettato. Al di fuori dello schermo, oltretutto, quando tu e lei vi conoscete e, per vari motivi, vi trovate reciprocamente antipatici – vi odiate – beh, a differenza dei film, dopo un paio d’ore non vi scoprirete anime gemelle. Rimarrete reciprocamente antipatici. Insomma, nella vita vera funziona diversamente. Nella vita vera, il caso ha sì un suo ruolo ma affinché il finale sia vagamente simile a quello dei film c’è bisogno di una cosa la cui importanza pochi sono disposti ad ammettere: la tattica. Continua a leggere

Scherzare con i Santi: le dieci categorie di persone che non vorresti incontrare a San Nicola e che puntualmente incontri

Qualche anno fa, agli albori di Wikipedia, la pagina relativa a Bari alla voce «Festa Patronale»  recitava: “la festa di San Nicola si festeggia la prima domenica di Maggio”.  Io, con la conoscenza derivatami dall’essere nato e cresciuto nel capoluogo, corressi l’imprecisione. Cosa c’entra questo? Nulla. Era solo per dire che la correzione di quell’errore mi ha fornito, anni dopo, il diritto di scrivere questo pezzo. Un pezzo in cui si analizzano le dieci categorie di persone con cui non vorrei avere nulla a che fare durante la festa di San Nicola ma che non posso evitare. Anche perché alcune di queste categorie descrivono il sottoscritto. E uno, nel bene e nel male, con se stesso ci deve pur convivere.
E allora iniziamo. Continua a leggere